Lavoro e ambiente - tecnoluvara

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lavoro e ambiente

Tecnologia > Classe 1 > Processi produttivi
Lavoro e ambiente
La forza lavoro non è l'unica risorsa che deve essere gestita in modo sostenibile: una pari attenzione deve essere rivolta all'ambiente.
Con l’aumento del trasporto delle merci si bruciano grandi quantità di carburante e si producono emissioni inquinanti.
Anche se l'inquinamento è solo un aspetto del problema: l'aumento dei consumi favorito dalla globalizzazione genera infatti modelli di sviluppo sbilanciati che tendono a esaurire le risorse del pianeta.
Per semplificare questo concetto, torniamo alle origini, quando l'uomo usava il legname per cuocere i cibi, per scaldarsi e per costruire la maggior parte degli attrezzi che utilizzava.
Sebbene l'uomo abbattesse gli alberi per le sue svariate necessità, le foreste si rigeneravano: il sistema era in equilibrio.
Con il passare del tempo, la continua crescita demografica ha imposto di abbattere sempre più alberi, non solo per utilizzarne il legno ma anche per creare zone libere da dedicare all'allevamento degli animali, necessari per sfamare una popolazione sempre più numerosa.
In molti luoghi l'intensità dell'abbattimento degli alberi ha superato la capacità delle foreste di rigenerarsi, e le foreste si sono pian piano ridotte fino a scomparire. È così che interi territori, una volta boschivi, sono diventati brulli e spogli. In quel territorio la risorsa "legname" è stata esaurita.
Ma la distruzione di una foresta ha un impatto anche sul clima della zona (il microclima): le piante offrono infatti resistenza al vento e catturano l'umidità dell'aria trasferendola al suolo. Una volta che la foresta è sparita, il vento non trova più alcun ostacolo e quindi spazza il terreno rendendolo secco.
Con un ambiente arido o addirittura con un deserto, ben poche specie possono sopravvivere ed è difficile riparare il danno recato all'ambiente.
È questo un esempio dello sviluppo di un'economia non sostenibile: lo sfruttamento eccessivo porta all'esaurimento delle risorse.
E, dato che il nostro pianeta non è infinito, la disponibilità di altre aree da sfruttare prima o poi finirà. Che cosa succederà allora? 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu