Lavoro agricolo - tecnoluvara

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lavoro agricolo

Tecnologia > Classe 1 > Processi produttivi
Lavoro agricolo
L'agricoltura, a differenza di altri settori produttivi, risente per sua natura di due fattori:
• la stagionalità l'esposizione agli eventi meteorologici
Questa particolarità si riflette sull' organizzazione del lavoro, che si è sempre distinto da quello di altre attività produttive per alcune caratteristiche:
• la dimensione ridotta delle imprese, spesso a conduzione familiare;
• la scarsa sicurezza e l'instabilità dei rapporti di lavoro.
Proprio per far fronte alle criticità di questo settore, gli agricoltori si associano generalmente in cooperative agricole, che hanno l'obiettivo di "unire le forze" per far fronte alle difficoltà che le piccole imprese agricole, operando sul mercato come “realtà autonome” farebbero fatica a superare.
Le cooperative, molto diffuse non solo in Italia ma in tutti gli Stati membri della UE, svolgono un' attività diretta di:
• produzione agricola,
• commercializzazione e trasformazione dei prodotti conferiti dai soci.
In queste associazioni prevale lo spirito di gruppo: esse aiutano i soci a:
• migliorare la qualità della produzione,
• promuoverla sul mercato i prodotti.
Grazie alle conquiste tecnologiche, anche il lavoro agricolo può oggi contare sull'uso di macchinari che hanno reso meno faticoso e più efficiente l'intero processo produttivo. Questa è forse una delle cause che ha rallentato negli ultimi anni la fuga degli occupati dal settore agricolo. Esso continua comunque a presentare diversi problemi, tra cui:
l'invecchiamento degli addetti;
• la diffusione di forme di lavoro sommerso, non ufficialmente riconosciuto. 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu